Giovedì 22 Feb 2018
 
Dal GAL due bandi per finanziare le imprese agricole dell’Appennino PDF Stampa Email
Giovedì 19 Novembre 2009 21:40

Modena, 17 NOVEMBRE 2009

 

COMUNICATO STAMPA

Dal GAL due bandi per finanziare le imprese agricole dell’Appennino

Dopo l’approvazione del PAL 2007-2013, ecco i primi contributi, destinati a sostenere lo sviluppo delle  imprese agricole delle zone montane di Modena e Reggio Emilia. I bandi sul sito terredicastagno.galmodenareggio.it. A disposizione fonti per 930.000 euro.

Dopo l’iter legislativo che ha portato all’approvazione da parte della regione Emilia Romagna del PAL (Piano di Azione Locale) 2007-2013, il GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano, ha emesso i primi due bandi per accedere ai finanziamenti destinati al sostegno ed allo sviluppo delle imprese agricole dell’Appennino modenese e reggiano comprese nell’area Leader +*.  I contributi complessivi a disposizione ammontano a 930.000 euro.

 

“Con questo primo intervento – dichiara Luciano Correggi, presidente del GAL – si concretizza l’Asse 4 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia Romagna sul territorio montano delle province di Modena e Reggio Emilia a gestione del GAL. I beneficiari sono imprese che intendono realizzare investimenti finalizzati ad aprire, o consolidare, un rapporto diretto con i consumatori e promuovere le loro produzioni”.

 

Entrambi i bandi, già operativi e scaricabili integralmente in formato Pdf dal sito terredicastagno.galmodenareggio.it, rientrano negli “Aiuti per lo sviluppo della prima trasformazione e commercializzazione diretta nelle imprese agricole” e corrispondono alle Azioni 3 e 5 della Misura 411.

 

Il primo intervento, Ammodernamento delle aziende agricole”, che mette a disposizione fondi per 530.000 euro, si prefigge di potenziare le forme di commercializzazione diretta o su “reti corte”, come mercati rionali, mercati contadini o mercati pubblici all’ingrosso. Rientrano negli interventi finanziabili anche le attività connesse alla prima lavorazione. Il fine è quello di accrescere i redditi, salvaguardare l’occupazione, migliorare il collocamento delle produzioni agricole locali ed accrescere la competitività aziendale delle imprese agricole del territorio eleggibile. Nel arco del periodo di programmazione 2007-2013, il massimale di spesa ammissibile a contributo per gli investimenti è di euro 3.000.000 per ATI e società costituite in forma di cooperativa agricola e di euro 1.200.000 per tutte le imprese che non rientrano nelle categorie precedenti. L’investimento massimo per singolo piano di investimento, invece, non potrà essere superiore a 150.000 euro e inferiore a 20.000.

 

Il secondo intervento, “Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali”, invece, è rivolto ad imprese di piccole dimensioni, che operano nel settore della trasformazione e/o commercializzazione della produzione alimentare tipica dell’Appennino modenese e reggiano. L’obiettivo è quello di potenziare le attività di trasformazione, condizionamento, conservazione e commercializzazione diretta di prodotti di qualità, anche attraverso le cosiddette “reti corte”. La disponibilità finanziaria complessiva è di euro 400.000. Il contributo sarà concesso in conto capitale nella misura massima del 40% della spesa ammessa in sede di istruttoria tecnica del progetto. Gli investimenti proposti dovranno avere una dimensione finanziaria minima di euro 100.000, mentre l’importo massimo di investimento ammissibile è fissato a euro 200.000.

 

“Dal punto di vista tecnico – aggiunge Gualtiero Lutti, direttore del GAL – le domande vanno presentate utilizzando la modulistica regionale predisposta da AGREA, l'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, che ha competenza relativamente all’erogazione di aiuti, contributi e premi previsti da disposizioni comunitarie, nazionali e regionali, a favore degli operatori del settore agricolo. Le imprese interessate ai contributi possono rivolgersi ai Centri di Assistenza Agricola (CAA) delle Associazioni di Categoria, che forniranno loro le informazioni e l’eventuale  supporto per la gestione delle pratiche compreso  la compilazione della modulistica”.

 

Le domande di aiuto dovranno essere indirizzate alla sede operativa del GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano, via Emilia Ovest 101, 41124, Modena entro le ore 12 del 12 aprile 2010.

Per informazioni si può contattare il GAL allo 059/821149 o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 

Ufficio Stampa GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano

c/o Comunica

tel. 059/2926985

fax 059/2921201

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

* Il territorio Leader +: comprende l’intera fascia appenninica delle province di Modena e Reggio Emilia. Fanno parte di quest’area 18 comuni modenesi: Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Guiglia, Lama Mocogno, Marano, Montecreto, Montefiorino, Montese, Palagano, Pavullo nel Frignano, Pievepelago, Polinago, Prignano, Riolunato, Serramazzoni, Sestola e Zocca.  Fanno parte del territorio della provincia di Reggio Emilia, invece, 13 comuni: Baiso, Busana, Canossa, Carpineti, Casina, Castelnovo Monti, Collagna, Ligonchio, Ramiseto, Toano, Vetto, Viano e Villa Minozzo.