Lunedì 19 Feb 2018
 



MONTE OMBRARO (Zocca)

Località: Monteombraro, comune di Zocca

Zocca deve il suo nome al fatto che l'antico mercato si svolgeva proprio intorno ad una ceppaia di castagno (la zoca); questo fatto è indicativo dell'importanza della pianta per il territorio dove antichi castagneti fanno da sfondo a leggende, feste ed ancora producono frutti rinomati. La frazione di Monteombraro è uno dei luoghi più importanti per la produzione e l'utilizzo del castagneto, ma anche come luogo turistico. Il borgo si trova pochi km a nord di Zocca , oltre a diverse aziende agricole, agrituristiche, fattorie didattiche legate al castagneto, presenta notevoli aspetti architettonici di pregio.

Distanza dal capoluogo 5 km

Distanza da Modena 42 km

Coordinate geografiche di Google Earth: 44° 22’ 44” 69 N 11°00’ 30” 91 E – chiesa di Monteombraro

 

Dove mangiare e dove dormire, riferimenti turistici

Sono riportate alcune strutture nell'area di Monteombraro:

Agriturismo Tizzano via Lamizze www.agritizzano.it 059 989581, 334 3371777

B&B Fontanini di sopra via Lamizze 473-e www.fontaninidisopra.it 059 216305, 349 1886309

B&B Picchio Verde via Lamizze 673 059 989952, 349 3410534

B&B Fontanini di Sotto via Lamizze 473-f, 348 0638305

Agriturismo Fontanini di Sotto via Lamizze 473-c www.agrifontanini.it 059 979025, 338 1613858

Albergo Regina Pacis via Serre 387 059 989525

Albergo San Carlo via San Carlo 19, 059 989551

Pizzeria La Cuccaja via Serre 9, 059 989225

Bar Ristorante Odissea, via Serre 129, 059 979026

Feste o tradizioni legate all’autunno Storica festa della castagna

 

Cose naturali o culturali notevoli

Il borgo conserva l'assetto medievale, che nel XII secolo vedeva ergersi nel punto più alto, un castello. Al suo posto ora sorge la Chiesa di Ss. Salvatore che conserva stucchi, dipinti di pregio ed un organo Traeri. Si trovano anche il complesso settecentesco del Collegio S. Carlo e il complesso rurale Fontanini, con la casa torre quattrocentesca. Il territorio è disseminato di maestà devozionali. Nelle altre frazioni vicine, si possono ammirare altri borghi caratteristici, in particolare nell'area del Parco dei Sassi di Roccamalatina, oltre che il Museo del Castagno in località Monte S. Giacomo. Il territorio di Zocca offre inoltre diverse attrattive turistiche anche inserite nel contesto naturale, come il parco avventura Esploraria.

 

Accessibilità e dove, come, quando raccogliere

Accesso dalla S.P. di Monteombraro in loc. Monteombraro dall'incrocio posto in prossimità dell'Oratorio S.Carlo, imboccare Via Fontaneda, dopo circa 100 sulla sinistra della strada è ubicato il castagneto in prossimità della borgata denominata "la Costa".

 

I castagneti sono generalmente in proprietà privata. Dove ci sono recinzioni o tabelle monitorie non è possibile accedere al fondo, l’accesso è consentito attraverso i sentieri esistenti sia CAI (segnali bianchi e rossi) o altri sentieri evidenti sul terreno.

 

La raccolta nelle proprietà private è vietata salvo consenso del proprietario.

 

Sentieri escursionistici

Sentiero CAI 432 Monteombraro-Chiesa Di Santa Croce-Tolè ,

Sentiero CAI 424 Mulino Di Fanano-Ciano -Monteombraro,

Sentiero CAI 422-1 Rocca Malatina-Monteombraro,

Sentiero CAI 422-2 Monteombraro-Monte S.Giacomo- Montalto Nuovo

 

Attività di educazione ambientale e visite guidate

CEAS 'Il Fontanazzo' Parco Sassi di Rocca Malatina Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . 059 795044

Promappennino www.promappennino.it 059 986524

 

Il castagneto

Quota: 870-780

Esposizione prevalente: est

Giacitura prevalente: pendenza accentuata 40% Substrato costituito da areniti e peliti, suoli dell'Unità 6Aa (Pantano, Casellina, Giavello) si tratta di suoli a differenziazione del profilo moderata per ruscellamento, soliflusso o reptazione agricola, con decarbonatazione incipiente (Calcaric Cambisols); suoli subordinati poco evoluti d'erosione per ruscellamento (Calcaric Regosols)

 

Edifici rurali e manufatti collegati al castagneto: mulattiere, piante secolari,percorso attrezzato

Descrizione soprassuolo

Il soprassuolo è costituito in parte da castagneto secolare con esemplari di notevoli dimensioni ed in parte da castagneto giovane di origine cedua in parte innestato di recente.

 

Lo stato di conservazione si può considerare buono non sono stati rilevati attacchi di patogeni con particolare virulenza. Annualmente vengono realizzati interventi di ripulitura e spollonatura. Nel corso del 2011 sono stati eseguiti nuovi innesti opportunamente protetti dal morso degli ungulati con protezioni individuali in rete metallica.

 

Presenza di piante monumentali: esiste un castagno secolare sotto il quale, secondo una leggenda, la Contessa Matilde di Canossa sostava per riposarsi sotto le chiome

Presenza di aree ancora attivamente coltivate – oggetto di cure colturali: si tratta di un'area pubblica molto fruita, che viene mantenuta da volontari della frazione, più che di coltivazione si potrebbe parlare di manutenzione del "verde urbano"

 

Varietà presenti: Pastenese

 

monteombraro1monteombraro2