Sabato 24 Feb 2018
 



Inquadramento sistematico e distribuzione geografica del castagneto

(G. Bounius, Torino 2002)

festa della castagnaIl castagno appartiene alla famiglia Fagaceae o Cupuhferae, che conta sei generi (Castanea, Castanopsis, Fagus, Lithocarpus, Nothofagus, Quercus) e circa mille specie. Il genere Castanea, distribuito ampiamente nell'emisfero boreale, annovera 12 o 13 specie. E’ diffuso naturalmente in tre grandi areali: Europa e in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, dove è coltivata Castanea sativa, Asia (Cina, Corea, Giappone) luogo di origine geografica di C crenata e C. mollissima, e America settentrionale, areale di provenienza di C. dentata, lungo la catena degli Appalachi in USA.

Le risorse genetiche di Castanea evidenziano una elevata variabilità, dovuta all’adattamento del genere alle più disparate condizioni ambientali.

Le varie specie sono diffuse in suoli e climi anche molto differenti tra di loro ma con preferenza per i suoli profondi, leggeri, acidi, e climi non troppo rigidi; le esigenze idriche variano dai 700 ai 1.500 mm/anno e lo distribuzione latitudinale è in rapporto di interdipendenza con quella altitudinale. Le piante possono essere longeve e regolarmente produttive per secoli.